Storia dei Casinò in Italia

Giochi DAzzardo citta italiane 73735

Vediamo insieme quali sono. Se invece la distanza è ancora maggiore non tutto è perduto. Poteva offrire oltre slot, un numero superiore a quasi tutte le concorrenti. Per gli amanti del poker era poi un vero punto di riferimento, con tornei continui in molte varianti del Texas Holdem. Il suo nome ufficiale è Casino de la Vallée. Tante slot machine e un numero di tavoli da gioco che riesce a soddisfare qualsiasi tipo di clientela.

Casinò italiani: Dove sono e come funzionano i migliori Casinò in Italia

I Greci, infatti, già si dilettavano in forme antiche di gambling, mentre i primi dadi sono starti rinvenuti in Cina ben anni fa. Tantissime sono le testimonianze che ci illustrano quanto i Romani, a partire dal V secolo A. In particolare, grande accaduto riscuotevano i giochi con i dadi e le scommesse sulle corse dei cavalli e sulle battaglie dei gladiatori. In epoca romana, di fatti, troviamo le prime bische, frequentate particolarmente da soldati e legionari. I romani, ancora, credevano molto fortemente nella dea conosciuta come Fortuna, a cui dedicavano incessamente le loro preghiere. La nascita delle prime case da gioco In collettivo, anche se in epoche e contesti differenti, coloro che usavano giocare continuamente e, soprattutto, illegalmente in attività in cui si mettevano in palio somme di denaro, non erano ben visti dalla società.

La nascita delle prime case da gioco

Vediamo i più belli, ognuno con le sue peculiari caratteristiche vi assicurerà un soggiorno di forti emozioni e se le vincite non arriveranno, potrete consolarvi con un drink sulla spiaggia, un pomeriggio sulle piste da sci o… Indossa una maschera e gioca a Venezia! Se vogliamo concludere una perfetta giornata in una città unica, Venezia, perchè non fare un salto, pardon, un giro in gondola sul Canal Grande ed entrare nella sala da gioco più antica al mondo? Aperta nel , era frequentata anche da Casanova e Goldoni, si entrava abbandonato indossando una maschera e i croupier erano nobili decaduti. Beh, a quanto pare, Venezia non ha perso il gusto per le maschere! Che dire?

Dove sono i casinò in Italia?

Gli italiani sono un popolo di giocatori. Il fatto curioso era che si giocasse inizialmente senza autorizzazione. Solo nel era stato possibile avere tutte le carte in regola grazie a Mussolini. Ovviamente durante la Seconda Guerra Eccezionale era stato chiuso per poi riallacciare a fine conflitto. Conta molte postazioni di gioco, soprattutto di tipo elettronico, divise per genere. In poco cielo sono aumentate le piattaforme di divertimento online, e sempre più italiani hanno scoperto la comodità del gioco eventuale. Lo Stato non è rimasto identico a questi cambiamenti, e si è subito preoccupato di gestire e armonico questo fenomeno. Esistono ancora sale scommesse e ricevitorie, ma il settore si è evoluto ed è stato indirizzato verso una progressiva digitalizzazione.

441 442 443 444 445 446 447
Back To Top
×Close search
Search